Lo strano caso dell'apprendista libraia - Deborah Meyler

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Lo strano caso dell'apprendista libraia - Deborah Meyler

Messaggio Da Ro il 07.02.17 10:06

Buongiorno a tutti!
Non ricordo esattamente chi mi abbia consigliato Lo strano caso dell'apprendista libraia di Deborah Meyler, né tanto meno ricordo se a convincermi sia stata una recensione positiva letta on line.
Propendo più per la seconda, a questo punto... anche perché ricordo una grande aspettativa legata a questo libro ed effettivamente una immensa gioia per averlo ricevuto in regalo lo scorso Natale.
Ho cominciato a leggerlo una settimana fa, lanciandomi con grande entusiasmo in una lettura che speravo potesse sul serio regalarmi nuovi spunti e punti di vista e che invece è stata una delusione totale.

Trama
Esme Garland è una ventitreenne inglese che, grazie ad una borsa di studio ricevuta dopo numerosi sforzi, si trasferisce a New York per studiare alla Columbia storia dell'arte. Vive da sola e la sua migliore amica negli States abita alla porta accanto.
Nonostante i tratti fisici di questa giovane non vengano mai delineati, l'idea generale è che sia una ragazza di un'ordinaria altezza, bellezza, fisicità, intelligenza.
Nel libro, Esme parla in prima persona, pertanto leggiamo del mondo che la circonda attraverso i suoi "occhi".
Da un paio di mesi frequenta tale Mitchell van Leuven, un professore di economia trentatreenne appartenente ad una famiglia più che benestante, del quale è perdutamente innamorata. E' una ragazza ordinaria, che fa cose ordinarie e che ad inizio libro "sente" che c'è qualcosa che dimentica, scoprendo presto che ciò che la mette in allarme è il fatto di pensare di poter essere incinta. Nonostante manchino ancora pochi giorni al ciclo, effettivamente invece scoprirà di aspettare un bambino dall'uomo della sua vita, anche se ancora non sa se vorrà interrompere la sua promettente carriera per crescere un bambino non programmato. Decide però, qualunque strada intraprenderà, di cercarsi un lavoro. Verrà quindi presto assunta alla Civetta, una piccola libreria nella quale tanto adora trascorrere il suo tempo. La compagnia sarà varia e variopinta a partire dal suo datore di lavoro George - profondo amante dei libri ed eccentrico vegano, nonché ambientalista convinto -, Luke - il commesso trentenne, musicista e giovane uomo con una visibile corazza - Mary, Bryan e tutti i senzatetto che popoleranno la libreria riempiendola di storie e vita.

Opinione
Complessivamente mi aspettavo una storia tendenzialmente "di esempio". Qualcosa che potesse elevare il potere emozionale delle piccole librerie a qualcosa di indispensabile, contro le luccicanti e capitalistiche multinazionali che oltre ai libri, vendono anche caffelatte, dolcetti e "card" raccogli punti!
E invece no!
Invece "lo strano caso dell'apprendista libraia" non ha davvero nulla di "strano". Ma anzi, percorre la via della banalità, riversandosi alla fine nella piazza dei chiché, lasciando un amaro in bocca persistente e la percezione di aver sprecato il proprio tempo nella lettura.
Ho trovato la protagonista di una immaturità disarmante, priva della benché minima dignità e che di tanto in tanto, propone frasi campate in aria che vogliono innalzare il libro a qualcosa di "aulico", ma che inevitabilmente stonano con l'intero suo modo di comportarsi!
Lo svilupparsi della trama procede sempre con evidente "normalità", delineando anche un personaggio - il suo amato Mitchell - in modo del tutto inverosimile. Quest'uomo, presente dall'inizio alla fine, è tutto e niente, dolce e amaro, aggressivo e dolcissimo, forte e debole, superficiale e profondo, maleducato e perfetto. Il personaggio meno coerente dell'intero racconto.
L'unica nota positiva che ho riscontrato e trovato davvero "potente" è stata l'attenzione che viene data alla descrizione della libreria "Civetta". Ambiente carico di storia, cultura, polvere e tradizione, ricco di radici profonde e foriero di grande pace, portatore di quel profumo inconfondibile di carta, che solo gli amanti dei libri sanno apprezzare a fondo.

A conti fatti, non mi sento di consigliarne la lettura, ma sono più che disposta al confronto, qualora qualcuno l'avesse già affrontata! Smile










Se ancora non l'hai fatto leggi la
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]
avatar
Ro
Admin

Messaggi : 1656
Data d'iscrizione : 28.08.16
Età : 33

http://neltempoliberofaccioilgatto.blogspot.it/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Lo strano caso dell'apprendista libraia - Deborah Meyler

Messaggio Da serensara' il 07.02.17 11:31

buongiorno,
non ho letto il libro in questione e non me ne hai fatta venir voglia Felice
mi hai incuriosita invece sul "e che di tanto in tanto, propone frasi campate in aria che vogliono innalzare il libro a qualcosa di "aulico", ma che inevitabilmente stonano con l'intero suo modo di comportarsi" che ritrovavo spesso nei libretti che leggevo sul treno mentre andavo all'universita', quei libretti pocket che compri a 5, 90 e che sono un misto di amore, coraggio, tenacia, giovinezza e romanticismo...
e no, non ho voglia di tornare a leggerli quindi non comprero' " Lo strano caso dell'apprendista libraia" Marameo
avatar
serensara'
Senior Mom

Messaggi : 306
Data d'iscrizione : 16.01.17

Tornare in alto Andare in basso

Re: Lo strano caso dell'apprendista libraia - Deborah Meyler

Messaggio Da Ro il 07.02.17 15:34

Ecco esatto! Mi è sembrato un libretto tipo Harmony, stampato però con la copertina rigida e la sovracopertina... come a dire "io sono un libro importante, mica pizza e fichi"! XD










Se ancora non l'hai fatto leggi la
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]
avatar
Ro
Admin

Messaggi : 1656
Data d'iscrizione : 28.08.16
Età : 33

http://neltempoliberofaccioilgatto.blogspot.it/

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum