Notizie dal mondo sulla fertilità maschile

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Notizie dal mondo sulla fertilità maschile

Messaggio Da Ro il 09.03.17 16:17

In questo post vogliamo raccogliere le più importanti notizie scentifiche sulla fertilità maschile. Le moderne ricerche in atto riguardo questo delicato argomento e informazioni che possano aggiornare le coppie che hanno riscontrato difficoltà di concepimento a causa di problematiche legate alla fertilità.
Lo staff di DM Forum aggiornerà le notizie pubblicate in questo post in ordine cronologico (dalla più recente) con i link in questa pagina, così da non perdere alcuna notizia utile!


- 13/03/2017 [Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]
- 07/03/2017 [Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]


Ultima modifica di Ro il 14.03.17 11:12, modificato 2 volte










Se ancora non l'hai fatto leggi la
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]
avatar
Ro
Admin

Messaggi : 1738
Data d'iscrizione : 28.08.16
Età : 33

http://neltempoliberofaccioilgatto.blogspot.it/

Tornare in alto Andare in basso

Novità sulla sterilità causata da mutazioni della proteina Plc-zeta contenuta negli spermatozoi

Messaggio Da Ro il 09.03.17 16:21

Novità sulla sterilità causata da mutazioni della proteina Plc-zeta contenuta negli spermatozoi

Ripristinato l'interruttore della fertilità maschile che 'accende' la nuova vita nell'ovulo durante la fecondazione: si tratta della proteina Plc-zeta contenuta negli spermatozoi, le cui mutazioni possono causare sterilità. I ricercatori delle Università del Qatar e di Cardiff sono riusciti per la prima volta a riattivarne la funzione, iniettandone una dose extra direttamente nell'ovulo fecondato: il risultato, pubblicato sulla rivista Biochemical Journal, potrebbe aprire nuove prospettive per la diagnosi e la cura di alcuni tipi di infertilità nell'uomo in cui la proteina è carente o mutata.

Una scoperta importante
L'importanza della scoperta è sottolineata da Michael Berridge, biochimico e fisiologo dell'Università di Cambridge, che spiega: ''una nuova vita comincia quando lo spermatozoo si fonde con l'ovulo e vi inietta un enzima'', la proteina Plc-zeta appunto, ''che scatena delle oscillazioni della concentrazione di calcio, con picchi che si susseguono ogni due minuti nell'arco di due ore attivando lo sviluppo dell'ovulo. L'esatta natura di questo enzima è stata a volte messa in dubbio'', mentre questo nuovo studio è riuscito per la prima volta ''a mostrare che una mutazione dell'enzima, identificata in uomini sterili, impedisce di attivare la cascata di segnali del calcio che avvia lo sviluppo. Questa - precisa Berridge - è la prova definitiva che l'enzima è il responsabile dell'inizio di una nuova vita''.
I ricercatori intendono ora verificare se nell'ovulo ci siano recettori ancora sconosciuti in grado di legare Plc-zeta e quindi potenzialmente coinvolti nella mancata fecondazione: questa scoperta ''potrebbe portare a identificare la causa di casi di infertilità femminile ancora inspiegati'', conclude Michail Nomikos, coordinatore del gruppo di ricerca presso l'Università del Qatar.


Fonte: [Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]










Se ancora non l'hai fatto leggi la
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]
avatar
Ro
Admin

Messaggi : 1738
Data d'iscrizione : 28.08.16
Età : 33

http://neltempoliberofaccioilgatto.blogspot.it/

Tornare in alto Andare in basso

Raddoppiano i casi di sterilità maschile negli ultimi 20 anni e pene più corto

Messaggio Da Ro il 14.03.17 11:10

Raddoppiano i casi di sterilità maschile negli ultimi 20 anni e pene più corto

Non ci sono più gli uomini di una volta. E non è un modo di dire. Oggi i maschi si stanno letteralmente «femminilizzando». Basta pensare già che il testosterone, l’ormone maschile per eccellenza, di un uomo di 60 anni è molto più basso rispetto a quello di suo padre. E che il pene dei giovani d’oggi è più corto di quasi un centimetro rispetto al passato. Poi ci sono casi più estremi, ma in fondo non così rari, di uomini che sviluppano il seno. Il fenomeno è da diversi anni oggetto di ricerca in tutto il mondo.

Sistema ormonale sotto attacco  
Le cause della femminilizzazione del maschio e, di conseguenza, della sempre più scarsa capacità riproduttiva si deve alla diffusione di sostanze chimiche presenti in oggetti di uso quotidiano che stanno interferendo sul nostro sistema ormonale. Sono tante e non sono ancora tutte note. Ci sono per esempio gli ftalati, presenti ovunque: nella pellicola trasparente con cui avvolgiamo il cibo, nelle vernici, nei detersivi, nei profumi e nei cosmetici. «Per quanto riguarda gli ftalati - dice Anna Maria Andersson, scienziata che fa parte del gruppo di ricerca dell’Ospedale universitario di Copenaghen, all’avanguardia al mondo per lo studio sugli interferenti endocrini - noi abbiamo delle prove evidenti che, negli animali, l’esposizione ad alcune di queste molecole durante la gravidanza causa seri problemi di fertilità alla prole di sesso maschile».

Anche il bisfenolo A, presente in molti oggetti di uso comune è un altro composto chimico sospettato di avere sugli organismi degli effetti simili agli ormoni femminili. E a questa sostanza non siamo davvero molto esposti. «Nei cibi in scatola all’interno c’è - spiega Nicolas Olea, esperto di bisfenolo A dell’Università di Granada - una pellicola che sembra plastica…anche quella è fatta di bisfenolo A, e una parte può migrare nel cibo che mangiamo. La maggiore fonte di esposizione a questa sostanza per noi pensiamo sia proprio il cibo in scatola».  

Mascolinizzazione in pericolo  

L’esposizione a queste sostanze che interferiscono con il sistema ormonale inizia ancor prima di nascere. «Le persone non sanno - dice Katharina Main, ricercatrice all’ospedale di Copenaghen - che parte della loro salute e della fertilità è determinata ancor prima della nascita. Noi abbiamo trovato circa 120 sostanze chimiche diverse nelle donne incinte. 120, in tutte. È spaventoso! Vuol dire che quando nasci sei già esposto attraverso tua madre a un grande numero di queste sostanze. E questo è un problema, perché dopo, quando cresci, l’esposizione non si ferma più». In effetti, la femminilizzazione inizia già nella pancia della mamma. «Noi siamo tutti programmati per essere di sesso femminile», spiega Richard Sharpe, professore del Centro per la salute riproduttiva dell’Università di Edimburgo. «Se non succedesse qualcosa durante lo sviluppo del feto - continua - saremmo tutte femmine. È il programma di base. Diventare maschio, significa modificare questo programma. Il testosterone è fondamentale per un uomo. Quello che noi stiamo vedendo, è che il programma di sviluppo attivato dal testosterone non sta più funzionando correttamente. Alcuni studiosi parlano di femminilizzazione del maschio, ma io trovo più preciso  

definirlo: un fallimento della mascolinizzazione».  


Fonte: [Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]










Se ancora non l'hai fatto leggi la
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]
avatar
Ro
Admin

Messaggi : 1738
Data d'iscrizione : 28.08.16
Età : 33

http://neltempoliberofaccioilgatto.blogspot.it/

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum