I mille volti del Pane

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

I mille volti del Pane

Messaggio Da Ro il 05.11.16 17:05

Buongiorno a tutte le cuochette pronte a sperimentare sempre idee nuove e ricette originali!
Oggi, quella del pane, non ha proprio alcunché di originale! Piuttosto invece si tratta di quella di base, ma che come sempre dà grandissime soddisfazioni!

Fare il pane homemade apporta innumerevoli vantaggi. Il primo è sicuramente quello di sfornare un prodotto fresco e preparato con ingredienti sani e scelti appositamente. Un altro indubbio vantaggio è la possibilità di potersi sbizzarrire con le tipologie, cambiando di volta in volta i gusti del nostro pane, adoperando farine differenti o anche semi, spezie o condimenti particolarmente saporiti!

In questo post, la volontà è quella di condividere con voi tutte le ricette che conosco sulla magnifica pagnotta, creando così un elenco con tutte le possibili varianti di quella base!
Bisognerà però pur partire dall'inizio, no?

Di seguito le ricette in ordine alfabetico suddivise tra quelle "senza impasto" e quelle che invece necessitano di incordatura (che sia essa a mano o con una impastatrice).

Prima di lasciarvi volevo informarvi che in calce ad ogni ricetta aggiungerò le foto (di quello specifico pane preparato dai nostri utenti) scattate per il post Di pane in pane

RICETTE DI PANE SENZA IMPASTO
- Pane alla salvia
- Pane al limone, timo e capperi
- Pane bianco con uvetta e Marsala
- Pane bianco di semola
- Pane nero con le nocciole
- Pane nero con mandorle, avena e rosmarino
- Pane nero con semi e noci
- Pane rosso pomodoro
- Pane semi-integrale ai semi di lino
- Pane semi-integrale alla birra rossa
- Stecche ai cereali
- Stecche di pane con olive e con pomodorini
- Stecche di pane di Jim Lahey


RICETTE DI PANE CON IMPASTATRICE
- Pane Pretzel
- Panini al latte



_______________________________________________________________________________

Vuoi condividere la ricetta del tuo pane e pubblicarla in questo post, prendertene il merito ed aggiungere le tue fotografie? Scrivimi e l'aggiungerò nel Ricettario! Smile


Ultima modifica di Ro il 15.05.17 17:36, modificato 21 volte
avatar
Ro
Admin

Messaggi : 1605
Data d'iscrizione : 28.08.16
Età : 33

http://neltempoliberofaccioilgatto.blogspot.it/

Tornare in alto Andare in basso

Pane bianco di semola

Messaggio Da Ro il 05.11.16 17:52

Esistono infinità di varianti per fare il pane, come ci dicevamo più su... ma quello di base, si fa con pochissimi ingredienti, quelli più facili da reperire!
Questa di seguito è la mia personalissima visione dell'impasto "base" del pane. Quello che insomma mangiavo da bambina, caldo appena sfornato dal panettiere... ecco, con voi oggi condivido la ricetta faticosamente conquistata e che mi ha permesso di riprodurlo anche a casa!
Non è la "tipica" ricetta del pane preparato con lavoro di polso per impastare a lungo, ma viene chiamato "pane senza impasto", idea di non so quale affermato chef, ma che di fatto ha una resa superlativa e che io ho adottato.

Per sfornare il pane la mattina della domenica (ore 11.00), questa preparazione deve essere avviata la sera precedente (ore 19.00).

Ingredienti
- 350g di farina 0 (o manitoba)
- 150g di farina di semola di grano duro rimacinata
- 350g di acqua minerale (a temperatura ambiente)
- 1 cucchiaino di sale (circa 4 grammi)
- 3 g di lievito secco attivo (non chimico)

Procedimento
In una ciotola capiente, pesate le farine. Quindi formate un buco al centro ed inserite il lievito e l'acqua. Mescolate con unn cucchiaio di legno tutti gli ingredienti (tranne il sale) fino a quando non si saranno appena amalgamati (ci vorranno pochi minuti), aggiungere quindi il sale e mescolare nuovamente senza remore. Il composto sarà colloso, poiché parecchio idratato (c'è un quantitativo di acqua molto elevato). Coprire quindi con pellicola o con uno strofinaccio pulito la ciotola e lasciare che l'impasto riposi per 10 minuti.

A questo punto è doveroso fare una premessa. E' vero che l'impasto di questo pane deve essere avviato il giorno prima, ma il tempo che impiegheremo per prepararlo è talmente poco, che ci stupiremo della minima fatica fatta, ma una resa massima del profotto finale! Smile

Ma torniamo all'impasto!
Trascorsi  10 minuti, bisognerà sporcarsi le mani e praticare 10 pieghe nell'impasto! Più facile a farlo che a scriverlo. In pratica, senza svuotare la ciotola, bisognerà "tirare" una parte di impasto dal bordo e portarla verso il centro. Quindi continuare così per l'intero bordo di impasto, completando il giro. Tirare dal bordo e premere al centro, come a creare una piega, appunto! Ci vorranno pochi secondi (come dicevo è più difficie spiegarlo che farlo), terminati i quali dovremo nuovamente coprire la ciotola per altri 10 minuti.
Sì dovrà ripetere l'operazione per altre tre volte e al termine dell'ultima manovra, si dovrà coprire la ciotola con un canovaccio e lasciar lievitare l'impasto per tutta la notte.

Trascorso il tempo di lievitazione (quindi la mattina della domenica verso le 8, per dire) cospargete di farina un piano di lavorom quindi trasferite l’impasto capovolgendo la ciotola, ma senza manipolarlo troppo. Stenderlo adagio con i polpastrelli così che prenda una forma rettangolare appena sufficiente per poter praticare quattro pieghe (di seguito un'immagine esplicativa tratta dal sito kefirdilatte.it).


Praticarne quindi altre quattro e lavoratelo fino a dargli la forma di una palla, con le pieghe verso il basso. Foderate uno scolapasta con un canovaccio. Spelverate di farina e poggiate al suo interno la vostra "palla" di impasto con le pieghe rivolte verso il basso. Cospargete di farina e lasciate lievitare per altre due ore.

Una mezz'ora prima di infornare, accendere il forno alla massima potenza (250°), rivestire una leccarda da forno con carta forno e spolverizzarla di farina di semola, quindi prima di infornare capovolgere delicatamente il canovaccio con l'impasto, così che le pieghe siano ora rivolte verso l'alto.
Infornare e lasciar cuocere per circa 45 minuti, fino a quando il pane non sarà bello croccante.
Prima di tagliarlo, lasciarlo raffreddare a dovere togliendolo dalla placca da forno, ma poggiandolo su una grata.

Le foto delle nostre utenti - Pane bianco di semola

Pane di Ro










Pane di Saetta










Pane di serensara'





Ultima modifica di Ro il 08.02.17 19:50, modificato 5 volte
avatar
Ro
Admin

Messaggi : 1605
Data d'iscrizione : 28.08.16
Età : 33

http://neltempoliberofaccioilgatto.blogspot.it/

Tornare in alto Andare in basso

Pane semi-integrale ai semi di lino

Messaggio Da Ro il 12.11.16 16:23

Anche questa ricetta si avvale della tecnica "senza impasto", quella in cui non serve incordare l'impasto, perché l'areazione dello stesso avviene attraverso le pieghe che gli si dà dopo avere amalgamato gli ingredienti. E' un impasto molto idratato (nel senso che ha molta acqua rispetto al quantitativo normale) pertanto apparirà comunque sempre un po' appiccicoso.

Per ovviare a questi problemi è sempre bene infarinarsi le mani o comunque aiutarsi con una spatola (di quelle elastiche in acciaio o anche in silicone per svuotare le ciotole quando riversiamo l'impasto sul piano di lavoro).

Per sfornare il pane la mattina della domenica (ore 11.00), questa preparazione deve essere avviata la sera precedente (ore 19.00).

Ingredienti
- 200g di farina 0 (o manitoba)
- 200g di farina integrale
- 100g di farina di semola di grano duro rimacinata
- 350g di acqua minerale (a temperatura ambiente)
- 50g di semi di lino
- 1 cucchiaino di sale (circa 4 grammi)
- 5g di lievito secco attivo (non chimico)

Procedimento
In una ciotola capiente, pesate le farine. Quindi formate un buco al centro ed inserite il lievito e l'acqua. Mescolate con unn cucchiaio di legno tutti gli ingredienti (tranne il sale e un paio di cucchiai di semi dal totale) fino a quando non si saranno appena amalgamati (ci vorranno pochi minuti), aggiungere il sale e mescolare nuovamente. Il composto sarà colloso, poiché parecchio idratato (c'è un quantitativo di acqua molto elevato). Coprire con pellicola o con uno strofinaccio pulito la ciotola e lasciare che l'impasto riposi per 10 minuti.

Trascorsi  10 minuti, bisognerà sporcarsi le mani e praticare 10 pieghe nell'impasto! Più facile a farlo che a scriverlo. In pratica, senza svuotare la ciotola, bisognerà "tirare" una parte di impasto dal bordo e portarla verso il centro. Quindi continuare così per l'intero bordo di impasto, completando il giro. Tirare dal bordo e premere al centro, come a creare una piega, appunto! Ci vorranno pochi secondi (come dicevo è più difficie spiegarlo che farlo), terminati i quali dovremo nuovamente coprire la ciotola per altri 10 minuti.
Sì dovrà ripetere l'operazione per altre tre volte e al termine dell'ultima manovra, si dovrà coprire la ciotola con un canovaccio e lasciar lievitare l'impasto per tutta la notte.

Trascorso il tempo di lievitazione (quindi la mattina della domenica verso le 8, per dire) cospargete di farina un piano di lavoro, quindi trasferite l’impasto capovolgendo la ciotola, ma senza manipolarlo troppo. Stenderlo adagio con i polpastrelli così che prenda una forma rettangolare appena sufficiente per poter praticare quattro pieghe (di seguito un'immagine esplicativa tratta dal sito kefirdilatte.it).


Praticarne quindi altre quattro e lavoratelo fino a dargli la forma di una palla, con le pieghe verso il basso. Foderate uno scolapasta con un canovaccio. Spelverate di farina e dei semi rimanenti e poggiate al suo interno la vostra "palla" di impasto con le pieghe rivolte verso il basso. Cospargete leggermente di farina e lasciate lievitare per altre due ore.

Una mezz'ora prima di infornare, accendere il forno alla massima potenza (240°/250°), rivestire una leccarda da forno con carta forno e spolverizzarla di farina di semola, quindi prima di infornare capovolgere delicatamente il canovaccio con l'impasto, così che le pieghe siano ora rivolte verso l'alto.
Infornare e lasciar cuocere per circa 45 minuti, fino a quando il pane non sarà bello croccante.
Prima di tagliarlo, lasciarlo raffreddare a dovere togliendolo dalla placca da forno, ma poggiandolo su una grata.

Le foto delle nostre utenti - Pane semi-integrale ai semi di lino

Pane di Ro






Pane di Saetta














Ultima modifica di Ro il 21.02.17 15:23, modificato 4 volte
avatar
Ro
Admin

Messaggi : 1605
Data d'iscrizione : 28.08.16
Età : 33

http://neltempoliberofaccioilgatto.blogspot.it/

Tornare in alto Andare in basso

Pane nero con semi e noci

Messaggio Da Ro il 12.11.16 16:58

Fare il pane ormai è di una semplicità disarmante, basta unire gli ingredienti e il gioco è fatto.
Con questa ricetta sfornerete un pane nero alle noci me-ra-vi-glio-so! Provare per credere!

Per sfornare il pane la mattina della domenica (ore 11.00), questa preparazione deve essere avviata la sera precedente (ore 19.00).

Ingredienti
- 150g di farina di grano tenero 00
- 100g di farina di semola di grano duro
- 100g di farina di grano saraceno
- 50g di farina di farro
- 50g di farina di segnale
- 50g di farina d'orzo
- 50g di semi di girasole
- 100g di gherigli di noci spezzettati
[qualora non si volesse acquistare così tanti tipi di farina, un ottimo prodotto è il "mix per pane nero" di Molino Spadoni in sacchetto da 1kg, da sostituire nel medesimo quantitativo alle farine integrali (cioè i 250g di grano saraceno, farro, segale e orzo). Lo si trova al supermercato nel reparto farine e contiene già miscelate queste farine, compresi i semi]
- 350g di acqua minerale (a temperatura ambiente)
- 1 cucchiaino di sale (circa 4 grammi)
- 3g di lievito secco attivo (non chimico)

Procedimento
In una ciotola capiente, pesate le farine. Quindi formate un buco al centro ed inserite il lievito e l'acqua. Mescolate con unn cucchiaio di legno tutti gli ingredienti (tranne il sale e un paio di cucchiai di semi di girasole dal totale) fino a quando non si saranno appena amalgamati (ci vorranno pochi minuti), aggiungere quindi il sale e mescolare nuovamente. Il composto sarà colloso. Coprire con pellicola o con uno strofinaccio pulito la ciotola e lasciare che l'impasto riposi per 10 minuti.

Trascorsi  10 minuti, bisognerà praticare 10 pieghe nell'impasto! Più facile a farlo che a scriverlo. In pratica, senza svuotare la ciotola, bisognerà "tirare" una parte di impasto dal bordo e portarla verso il centro. Quindi continuare così per l'intero bordo di impasto, completando il giro. Tirare dal bordo e premere al centro, come a creare una piega, appunto! Ci vorranno pochi secondi (come dicevo è più difficie spiegarlo che farlo), terminati i quali dovremo nuovamente coprire la ciotola per altri 10 minuti.
Sì dovrà ripetere l'operazione per altre tre volte e al termine dell'ultima manovra, si dovrà coprire la ciotola con un canovaccio e lasciar lievitare l'impasto per tutta la notte.

Trascorso il tempo di lievitazione (quindi la mattina della domenica verso le 8, per dire) cospargete di farina un piano di lavorom quindi trasferite l’impasto capovolgendo la ciotola, ma senza manipolarlo troppo. Stenderlo adagio con i polpastrelli così che prenda una forma rettangolare appena sufficiente per poter praticare quattro pieghe (di seguito un'immagine esplicativa tratta dal sito kefirdilatte.it).


Praticarne quindi altre quattro e lavoratelo fino a dargli la forma di una palla, con le pieghe verso il basso. Foderate uno scolapasta con un canovaccio. Spelverate di farina e dei semi rimanenti e poggiate al suo interno la vostra "palla" di impasto con le pieghe rivolte verso il basso. Cospargete di farina e lasciate lievitare per altre due ore.

Una mezz'ora prima di infornare, accendere il forno alla massima potenza (240°/250°), rivestire una leccarda da forno con carta forno e spolverizzarla di farina di semola, quindi prima di infornare capovolgere delicatamente il canovaccio con l'impasto, così che le pieghe siano ora rivolte verso l'alto.
Infornare e lasciar cuocere per circa 45 minuti, fino a quando il pane non sarà bello croccante.
Prima di tagliarlo, lasciarlo raffreddare a dovere togliendolo dalla placca da forno, ma poggiandolo su una grata.

Le foto delle nostre utenti - Pane nero con semi e noci

Pane di Ro




Con una piccola variazione: mandorle in lamelle al posto delle noci





Pane di Saetta










Ultima modifica di Ro il 26.02.17 19:04, modificato 2 volte
avatar
Ro
Admin

Messaggi : 1605
Data d'iscrizione : 28.08.16
Età : 33

http://neltempoliberofaccioilgatto.blogspot.it/

Tornare in alto Andare in basso

Stecche di pane di Jim Lahey

Messaggio Da Ro il 21.11.16 19:15

La ricetta che sto per condividere è quella di un pane croccante, ma leggerissimo. Ideale per fare i saltimbocca, soprattutto. Un pane "alveolato" ma semplicissimo da preparare.
La ricetta è di Jim Lahey, il celebre autore della ricetta del "pane senza impasto" con il quale ci siamo accompagnate nelle preparazioni precedenti!
Questa è particolare poiché è la ricetta delle famose "stecche di pane"... una specie di pani allungati a forma di baguette, ma scrocchiolosi e molto areati al loro interno!

Vediamo come si preparano.

Essendo un pane a lunga lievitazione necessita di 18 + 2 ore di tempo prima che possa essere infornato, quindi la preparazione deve partire il giorno prima.
Per sfornare il pane alle 12 della domenica, ad esempio, bisogna partire con l'impasto alle 16 del sabato pomeriggio.


Ingredienti (per 4 stecche di pane)
- 200g farina manitoba (o comunque una farina di grano tenero 0 con indice di forza W maggiore di 350)
- 100g farina 00
- 100g farina integrale
- 340g acqua minerale naturale (a temperatura ambiente)
- 3g zucchero
- 5g sale
- 1g di lievito secco attivo
***
- semola rimacinata di grano duro per il piano q.b.
- 60g di olio evo
- 3 g di sale grosso frantumato (o fleur de sel)

Procedimento
In una ciotola capiente unire tutti gli ingredienti, tranne l'olio, la semola e il sale grosso. Mescolare per il tempo necessario ad amalgamare tutti gli ingredienti. Ci vorranno pochi secondi. Coprire quindi la ciotola con pellicola trasparente (che andrà forata in 3 punti) e lasciare lievitare per 18 ore a temperatura ambiente.

Al termine della lievitazione l'impasto dovrà presentarsi ricco di bollicine in superficie e raddoppiato nel volume. Cospargere quindi il piano di lavoro con la semola, quindi rovesciarci sopra l'impasto delicatamente. Praticare due pieghe, portando i lembi di destra e sinistra verso il centro (di seguito un'immagine esplicativa dal blog stracucinando.blogspot.it)


Coprire quindi l'impasto con un caovaccio pulito e lasciar lievitare altre 2 ore. Al termine della lievitazione accendere il forno alla massima temperatura (250°) statico, quindi dividere l'impasto in quattro parti, aiutandosi con un coltello a lama liscia o con un attrezzo apposito. Praticare quattro tagli netti ed allungare ciascun pezzo d'impasto a cilindro fino a raggiungere la dimensione più lunga della placca da forno sulla quale si appoggeranno i 4 pani ricavati.

Adagiarli sulla teglia ricoperta di carta forno e spennellarne le superfici con olio evo. Cospargerli di sale grosso leggermente frantumato. Cuocere per 15/20 minuti a 250°, comunque fino a doratura.

Le foto delle nostre utenti - Stecche di pane di Jim Lahey

Pane di Ro






















Variante: 100g di farina nera e semi al posto della farina integrale




Pane di Saetta






Pane di serensara'







Ultima modifica di Ro il 12.04.17 10:02, modificato 6 volte
avatar
Ro
Admin

Messaggi : 1605
Data d'iscrizione : 28.08.16
Età : 33

http://neltempoliberofaccioilgatto.blogspot.it/

Tornare in alto Andare in basso

Pane semi-integrale alla birra rossa

Messaggio Da Ro il 22.11.16 16:17

Ecco una nuova ricetta! Giusto per non farci mancare anche le varianti più particolari!
E questa volta l'ingrediente principe sarà la birra rossa!

Essendo questo un pane a lunga lievitazione, si ricorda che per sfornare il pane alle 12 della domenica, ad esempio, bisogna partire con l'impasto il sabato alle ore 16.30.

Ingredienti
- 350g di farina integrale
- 150g di farina di semola di grano duro
- 330g di birra rossa (pari ad una bottiglia da 33ml) a temperatura ambiente
- 50g di acqua minerale naturale a temperatura ambiente
- 3g di lievito secco attivo
- 4g di sale
- 1 cucchiaino di zucchero di canna
- 10g di olio evo (o di semi)

Procedimento
Pesare tutti gli ingredienti liquidi (acqua + birra), tranne l'olio, in una capiente ciotola e sciogliervi il lievito assieme al cucchiaino di zucchero. Aggiungere le farine e mescolare con un cucchiaio di legno per amalgamare. Solo alla fine aggiungere il sale e mescolare ancora, quindi l'olio e incorporarlo per ultimo.

Lasciare riposare l'impasto per circa 30 minuti coprendo la ciotola con un panno. Dopo il riposo cospargete di farina un piano di lavoro e trasferite l’impasto capovolgendo la ciotola. Stenderlo adagio con i polpastrelli così che prenda una forma rettangolare appena sufficiente per poter praticare quattro pieghe (di seguito un'immagine esplicativa tratta dal sito kefirdilatte.it).


Praticarne quindi altre quattro e lavorarlo fino a dargli la forma di una palla, con le pieghe verso il basso. Riporlo nuovamente nella ciotola per la lievitazione lunga. Dopo circa 18 ore di lievitazione, spolverare nuovamente il piano di lavoro con la farina di semola, rovesciarvi l'impasto e stenderlo con le dita a formare un rettangolo. Arrotolare lo stesso come fosse un cilindro, partendo però da un angolo del rettangolo. Posizionarlo su una placca da forno ricoperta di carta forno, cospargerlo di farina di semola e praticare tre tagli diagonali sulla sua superficie con un coltello a lama liscia, quindi coprirlo con un panno per lasciarlo lievitare un'altra ora.

Mezz'ora prima di infornare accendere il forno alla massima temperatura. Infornare la pagnotta a 250° per 20 minuti, quindi abbassare la temperatura a 230° per i restanti 15/20 minuti o fino a completa cottura.

Le foto delle nostre utenti - Pane semi-integrale alla birra rossa

Pane di Ro




Pane di Saetta



Ultima modifica di Ro il 13.03.17 9:34, modificato 1 volta
avatar
Ro
Admin

Messaggi : 1605
Data d'iscrizione : 28.08.16
Età : 33

http://neltempoliberofaccioilgatto.blogspot.it/

Tornare in alto Andare in basso

Stecche di pane con olive e con pomodorini

Messaggio Da Ro il 04.12.16 15:26

Questa di seguito è una variante delle famosissime "Stecche di pane" di Jim Lahey. Non si deve fare altro che aggiungere pomodorini ciliegia e olive verdi o nere sulla superficie delle stesse e il gioco è fatto. Sentirete che profumo invadere la vostra cucina!

Vediamo come si preparano.

Essendo un pane a lunga lievitazione necessita di 18 + 2 ore di tempo prima che possa essere infornato, quindi la preparazione deve partire il giorno prima.
Per sfornare il pane alle 12 della domenica, ad esempio, bisogna partire con l'impasto alle 16 del sabato pomeriggio.


Ingredienti (per 4 stecche di pane)
- 300g farina manitoba (o comunque una farina di grano tenero 0 con indice di forza W maggiore di 350)
- 100g farina 00
- 340g acqua minerale naturale (a temperatura ambiente)
- 3g zucchero
- 5g sale
- 1g di lievito secco attivo
***
- semola rimacinata di grano duro per il piano q.b.
- 10 pomodorini ciliegia (per due stecche)
- 10/12 olive verdi denocciolate (per una stecca)
- 10/12 olive nere denocciolate (per una stecca
- 60g di olio evo
- 3 g di sale grosso frantumato (o fleur de sel)

Procedimento
In una ciotola capiente unire le farine, lo zucchero, il levito, l'acqua e il sale. Mescolare per il tempo necessario ad amalgamare tutti gli ingredienti. Ci vorranno pochi secondi. Coprire quindi la ciotola con pellicola trasparente (che andrà forata in 3 punti) e lasciare lievitare per 18 ore a temperatura ambiente.

Al termine della lievitazione l'impasto dovrà presentarsi ricco di bollicine in superficie e raddoppiato nel volume. Cospargere quindi il piano di lavoro con la semola, quindi rovesciarci sopra l'impasto delicatamente aiutandosi con una spatola di silicone. Praticare due pieghe, portando i lembi di destra e sinistra verso il centro (di seguito un'immagine esplicativa dal blog stracucinando.blogspot.it)


Coprire quindi l'impasto con un caovaccio pulito e lasciar lievitare altre 2 ore. Al termine della lievitazione accendere il forno alla massima temperatura (250°) statico, quindi dividere l'impasto in quattro parti, aiutandosi con un coltello a lama liscia o con un attrezzo apposito. Praticare quattro tagli netti ed allungare ciascun pezzo d'impasto a cilindro fino a raggiungere la dimensione più lunga della placca da forno sulla quale si appoggeranno i 4 pani ricavati.

Adagiarli sulla teglia ricoperta di carta forno e spennellarne le superfici con olio evo. Cospargerli di sale grosso leggermente frantumato. A questo punto tagliare i pomodorini ciliegia a metà e condire due dei pani stesi sulla teglia. Adagiare ogni mezzo pomodorino in fila fino a ricoprirne la lunghezza. Effettuare il mededimo passaggio anche con le altre due stecche, condendone una con le olive verdi e l'altra con le olive nere. Spingere pomodorini e olive quel tanto che basta da non farli staccare in cottura. Attenzione a non fare troppa pressione, potrebbe rovinarsi la lievitazione dei pani. Cuocere per 15/20 minuti a 250° statico, comunque fino a doratura.

Le foto delle nostre utenti - Stecche di pane con olive e pomodorini

Pane di Saetta



Ultima modifica di Ro il 08.02.17 21:01, modificato 1 volta
avatar
Ro
Admin

Messaggi : 1605
Data d'iscrizione : 28.08.16
Età : 33

http://neltempoliberofaccioilgatto.blogspot.it/

Tornare in alto Andare in basso

Pane rosso pomodoro

Messaggio Da Ro il 04.12.16 18:57

Un nuovo pane dal sapore rusticoso!
A lunga lievitazione e dal colore "particolare". Sì, perché questo pane arrossisce grazie a tutti i complimenti ricevuti!
Ma no, scherzo! E' rosso grazie al pomodoro!
Provatelo e saprete dirmi!

Essendo questo un pane a lunga lievitazione, si ricorda che per sfornare il pane alle 12 della domenica, ad esempio, bisogna partire con l'impasto il sabato alle ore 18.00.

Ingredienti
- 400g di farina manitoba (o di grano tenero tipo 0)
- 100g di farina di semola di grano duro
- 330g di acqua minerale naturale a temperatura ambiente
- 50g di concentrato di pomodoro
- 3 cucchiai circa di origano o basilico secco (a seconda del gusto che maggiormente preferite)
- 3g di lievito secco attivo
- 4g di sale

Procedimento
Pesare tutti gli ingredienti liquidi (acqua + concentrato di pomodoro) in una capiente ciotola e sciogliervi il lievito. Aggiungere tutti gli altri ingredienti secchi e mescolare con un cucchiaio di legno per amalgamare. Solo alla fine aggiungere il sale e mescolare ancora. Il composto sarà colloso. Coprire con pellicola o con uno strofinaccio pulito la ciotola e lasciare che l'impasto riposi per 10 minuti.

Trascorsi  10 minuti, bisognerà praticare 10 pieghe nell'impasto! Più facile a farlo che a scriverlo. Senza svuotare la ciotola, bisognerà "tirare" una parte di impasto dal bordo e portarla verso il centro. Quindi continuare così per l'intero bordo di impasto, completando il giro. Tirare dal bordo e premere al centro, come a creare una piega, appunto! Ci vorranno pochi secondi (come dicevo è più difficie spiegarlo che farlo), terminati i quali dovremo nuovamente coprire la ciotola per altri 10 minuti.
Sì dovrà ripetere l'operazione per altre tre volte e al termine dell'ultima manovra, si dovrà coprire la ciotola con un canovaccio e lasciar lievitare l'impasto per tutta la notte.

Trascorso il tempo di lievitazione (quindi la mattina della domenica verso le 8, per dire) cospargete di farina un piano di lavoro e trasferite l’impasto capovolgendo la ciotola, ma senza manipolarlo troppo. Stenderlo adagio con i polpastrelli così che prenda una forma rettangolare appena sufficiente per poter praticare quattro pieghe (di seguito un'immagine esplicativa tratta dal sito kefirdilatte.it).


Praticarne quindi altre quattro e lavoratelo fino a dargli la forma di una palla, con le pieghe verso il basso. Foderate uno scolapasta con un canovaccio. Spelverate di farina e poggiate al suo interno la vostra "palla" di impasto con le pieghe rivolte verso il basso. Cospargete di farina e lasciate lievitare per altre due ore.

Una mezz'ora prima di infornare, accendere il forno alla massima potenza (240°/250°), rivestire una leccarda da forno con carta forno e spolverizzarla di farina di semola, quindi prima di infornare capovolgere delicatamente il canovaccio con l'impasto, così che le pieghe siano ora rivolte verso l'alto.
Infornare e lasciar cuocere per circa 45 minuti, fino a quando il pane non sarà bello croccante.
Prima di tagliarlo, lasciarlo raffreddare a dovere togliendolo dalla placca da forno, ma poggiandolo su una grata.

Le foto delle nostre utenti - Pane rosso pomodoro

Pane di Ro




Pane di Saetta





Ultima modifica di Ro il 08.02.17 21:03, modificato 1 volta
avatar
Ro
Admin

Messaggi : 1605
Data d'iscrizione : 28.08.16
Età : 33

http://neltempoliberofaccioilgatto.blogspot.it/

Tornare in alto Andare in basso

Pane alla salvia

Messaggio Da Ro il 11.12.16 16:19

Tra le infinità di sapori, consistenze e aromi del pane, tra quelli che prediligo ci sono i pani alle arbe!
Quel profumo che si diffonde in casa durante la cottura di questi pani è sublime e mai potrei rinunciarvi! Preparo più spesso quello alla salvia perché ne conosco le proprietà benefiche. Inoltre il suo sapore deciso non fa che conquistarmi ogni volta!
Provare per credere!

Per sfornare il pane la mattina della domenica (ore 11.00), questa preparazione deve essere avviata la sera precedente (ore 19.00).

Ingredienti
- 350g di farina 0 (o manitoba)
- 150g di farina di semola di grano duro rimacinata
- 350g di acqua minerale (a temperatura ambiente)
- un mazzetto di salvia fresca (circa 50 grammi)
- 1 cucchiaino di sale (circa 4 grammi)
- 3g di lievito secco attivo (non chimico)

Procedimento
Prelevare dal mazzolino di salvia fresca tutte le foglie, pulirle bene, quindi sminuzzarle con un coltello a lama liscia. Riporre il trito nella ciotola capiente e nella stessa pesate le farine. Formate un buco al centro ed inserite il lievito e l'acqua. Mescolate con unn cucchiaio di legno tutti gli ingredienti (tranne il sale) fino a quando non si saranno appena amalgamati (ci vorranno pochi minuti), aggiungere quindi il sale e mescolare nuovamente senza remore. Il composto sarà colloso, poiché parecchio idratato (c'è un quantitativo di acqua molto elevato). Coprire quindi con pellicola o con uno strofinaccio pulito la ciotola e lasciare che l'impasto riposi per 10 minuti.

Trascorsi  10 minuti, bisognerà sporcarsi le mani e praticare 10 pieghe nell'impasto! Bisognerà "tirare" una parte di impasto dal bordo e portarla verso il centro. Quindi continuare così per l'intero bordo di impasto, completando il giro. Tirare dal bordo e premere al centro, come a creare una piega, appunto! Ci vorranno pochi secondi terminati i quali dovremo nuovamente coprire la ciotola per altri 10 minuti.
Sì dovrà ripetere l'operazione per altre tre volte e al termine dell'ultima manovra, si dovrà coprire la ciotola con un canovaccio e lasciar lievitare l'impasto per tutta la notte.

Trascorso il tempo di lievitazione (circa 12 ore) cospargete di farina un piano di lavoro e trasferite l’impasto capovolgendo la ciotola, aiutandovi con una spatola di silicone e senza manipolarlo troppo. Stenderlo adagio con i polpastrelli così che prenda una forma rettangolare appena sufficiente per poter praticare quattro pieghe (di seguito un'immagine esplicativa tratta dal sito kefirdilatte.it).


Praticarne quindi altre quattro e lavoratelo fino a dargli la forma di una palla, con le pieghe verso il basso. Foderate uno scolapasta con un canovaccio. Spelverate di farina e poggiate al suo interno la vostra "palla" di impasto con le pieghe rivolte verso il basso. Cospargete di farina e lasciate lievitare per altre due ore.

Una mezz'ora prima di infornare, accendere il forno alla massima potenza (250°), rivestire una leccarda da forno con carta forno e spolverizzarla di farina di semola, quindi prima di infornare capovolgere delicatamente il canovaccio con l'impasto, così che le pieghe siano ora rivolte verso l'alto.
Infornare e lasciar cuocere per circa 45 minuti, fino a quando il pane non sarà bello croccante.
Prima di tagliarlo, lasciarlo raffreddare a dovere togliendolo dalla placca da forno, ma poggiandolo su una grata.

Le foto delle nostre utenti - Pane alla salvia

Pane di Ro




Pane di Saetta




Pane di serensara'



Ultima modifica di Ro il 08.02.17 21:06, modificato 1 volta
avatar
Ro
Admin

Messaggi : 1605
Data d'iscrizione : 28.08.16
Età : 33

http://neltempoliberofaccioilgatto.blogspot.it/

Tornare in alto Andare in basso

Pane al limone, timo e capperi

Messaggio Da Ro il 11.12.16 16:47

Oggi entriamo in una nuova dimensione del pane... sì, perché questo che vi propongo è un pane "finito"! Nel senso che potremmo mangiar solo quello per quanto è buono e sostanzioso!
Io l'ho provato una sola volta e ancora sento in bocca un quel sapore di "nuovo" ed esotico, che mai avevo assaggiato prima. Questo pane accompagna meravigliosamente i piatti di pesce e fa da base/bruschetta a tutti i condimenti adatti ai piatti con crostacei.

Per sfornare il pane la mattina della domenica (ore 11.00), questa preparazione deve essere avviata la sera precedente (ore 19.00).

Ingredienti
- 300g di farina 0
- 100g di farina integrale di farro
- 100g di farina di semola di grano duro
- 350g di acqua minerale (a temperatura ambiente)
- 5g di lievito secco attivo
- un mazzetto di timo fresco (circa 30g) o un cucchiaio raso di timo secco
- 2 cucchiai di olio extravergine d'oliva
- la scorza di un limone non trattato
- 30g di capperi dissalati
- 4g gr di sale

Procedimento
Sminuzzare la scorza di limone, il timo e i capperi molto bene, quindi riporre il trito nella ciotola capiente e nella stessa pesate le farine. Formate un buco al centro ed inserite il lievito, l'olio e l'acqua. Mescolate con un cucchiaio di legno tutti gli ingredienti (tranne il sale) fino a quando non si saranno appena amalgamati (ci vorranno pochi minuti), aggiungere quindi il sale e mescolare nuovamente senza remore. Il composto sarà colloso, poiché parecchio idratato (c'è un quantitativo di acqua molto elevato). Coprire quindi con pellicola o con uno strofinaccio pulito la ciotola e lasciare che l'impasto riposi per 10 minuti.

Trascorsi  10 minuti si dovranno praticare 10 pieghe all'impasto! Bisognerà "tirare" una parte di impasto dal bordo e portarla verso il centro. Quindi continuare così per l'intero bordo di impasto, completando il giro. Tirare dal bordo e premere al centro, come a creare una piega, appunto! Ci vorranno pochi secondi terminati i quali dovremo nuovamente coprire la ciotola per altri 10 minuti.
Sì dovrà ripetere l'operazione per altre tre volte e al termine dell'ultima manovra, si dovrà coprire la ciotola con un canovaccio e lasciar lievitare l'impasto per tutta la notte.

Trascorso il tempo di lievitazione (circa 12 ore) cospargete di farina un piano di lavoro e trasferite l’impasto capovolgendo la ciotola, aiutandovi con una spatola di silicone e senza manipolarlo troppo. Stenderlo adagio con i polpastrelli così che prenda una forma rettangolare appena sufficiente per poter praticare quattro pieghe (di seguito un'immagine esplicativa tratta dal sito kefirdilatte.it).


Praticarne quindi altre quattro e lavoratelo fino a dargli la forma di una palla, con le pieghe verso il basso. Foderate uno scolapasta con un canovaccio. Spelverate di farina e poggiate al suo interno la vostra "palla" di impasto con le pieghe rivolte verso il basso. Cospargete di farina e lasciate lievitare per altre due ore.

Una mezz'ora prima di infornare, accendere il forno alla massima potenza (250°), rivestire una leccarda da forno con carta forno e spolverizzarla di farina di semola, quindi prima di infornare capovolgere delicatamente il canovaccio con l'impasto, così che le pieghe siano ora rivolte verso l'alto.
Infornare e lasciar cuocere per circa 45 minuti, fino a quando il pane non sarà bello croccante.
Prima di tagliarlo, lasciarlo raffreddare a dovere togliendolo dalla placca da forno, ma poggiandolo su una grata.

Le foto delle nostre utenti - Pane al limone, timo e capperi

Pane di Saetta



Ultima modifica di Ro il 08.02.17 21:08, modificato 1 volta
avatar
Ro
Admin

Messaggi : 1605
Data d'iscrizione : 28.08.16
Età : 33

http://neltempoliberofaccioilgatto.blogspot.it/

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum